EnglishΕλληνικάΕspañolčeštinaDeutschItalianoNederlandsSlovenščina

Vesna Vodopivec

Lavorare con le persone è la sua passione.

Su di me


NOME: Vesna Vodopivec

NAZIONE: Slovenia

CITTA': Postojna

NAZIONALITA': Slovena

BACKGROUND: Istruxione universitaria, laurea in economia

AZIONE/SETTORE: Banca e Finanza

POSIZIONE: Direttrice della gestione risorse umane e gestione organizzativa

ORGANIZZAZIONENLB d.d.

 

Il mio Background e la mia carriera

Sono Direttore Generale per le risorse umane e gestione organizzativa presso la NLB. Mi occupo prevalentemente della gestione delle risorse umane, dei sistemi premianti, della gestione dei talenti, della formazione, della selezione e sviluppo del personale, dell’organizzazione e gestione dei processi aziendali. In questo momento stiamo implementando il modello EFQM e avviando un cambio nella nostra cultura organizzativa, che ci consenta in futuro di lavorare ancora più efficacemente.

Negli ultimi due anni sono stata responsabile di tre importanti progetti di trasformazione aziendale, attuati riportando grande successo, e che sono stati premiati negli ultimi da un gruppo di esperti. Prima di allora, avevo lavorato per la multinazionale Scania CV come Manager per le Risorse Umane e, prima ancora, avevo lavorato in un Dipartimento di Relazioni Pubbliche e Promozione delle Vendite. Ho iniziato la mia carriera professionale nella  fabbrica siderurgica “Liko”, poi sono passata al settore assicurativo. Ho avuti dei maestri che mi hanno insegnato management e organizzazione aziendale; sono specializzata in management e ho una laurea in economia. Ho studiato a Stanford e ho conseguito i titolo di ''Stanford certified project manager''. Sto completando il mio dottorato presso la Facoltà di Economia di Lubiana.

 

La mia esperienza

All’inizio la mia carriera si è svolta in modo abbastanza casuale; non mi ponevo l’obiettivo di arrivare a ricoprire posizioni di responsabilità. All'inizio ero più interessata al marketing e alle relazioni pubbliche. Solo quando ho iniziato a lavorare nell’ambito delle risorse umane, ho compreso quale fosse la mia passione: lavorare con le persone. Lavorare in una multinazionale mi ha aiutato ad acquisire nuove competenze. La mia determinazione e il lavoro in una società multiculturale mi hanno permesso di superare facilmente gli eventuali ostacoli che si frapponevano alla mia progressione di carriera. Gestire contemporaneamente gli impegni lavorativi con quelli  familiari è difficile. Da un lato ci sono le lunghe ore di lavoro, i viaggi, lo stress, dall’altro il mio lavoro mi piace e mi riempie di energia che posso riversare sulla mia famiglia e sui miei amici; non avrei la stessa energia senza il mio lavoro, anche se mi lascia poco tempo libero. Sono una persona molto organizzata; amici e colleghi spesso scherzano dicendo che le mie 24 ore corrispondono alle loro 48 ore. Il mio successo non dipende solo da me stessa; è soprattutto il risultato del lavoro della mia squadra. In tutte le mie esperienze professionali, il successo è nato sempre come conseguenza del lavoro di squadra, dell'energia che circola tra i suoi membri. L'altro fattore chiave del mio successo è la mia personalità. Sono precisa, tenace, empatica, autonoma, molto determinata e so creare coesione tra le persone.

 

 

Le mie abilità

Non saprei dire se le mie competenze professionali siano state davvero i fattori più importanti del mio successo professionale, ma di sicuro la mia personalità lo è stata. In particolare, la responsabilità di assumere iniziative personali e il coraggio. Mi riferisco al coraggio di andare avanti, di continuare ad essere creativi senza averne paura, ma anche essere sensibili verso le persone e l'ambiente. E' importante essere se stesse, saper usare i vostri punti forti e minimizzare i punti deboli. Svolgere un ruolo in cui non ci si sente a proprio agio non può portare al successo. Nella mia carriera ho imparato ad essere diplomatica, ad ascoltare e a comunicare; ad essere dura  se necessario.

 

Consigli e Suggerimenti

Siate voi se stesse; sfruttate i vostri punti di forza, non nascondete le vostre debolezze; piuttosto, cercate di superarle. Lavorate seguendo standard di eticità e trasparenza, tenete alti i vostri valori  di riferimento e applicateli ogni giorno. Cercare di generare coesione tra le persone che lavorano con voi, acquisite ogni giorno nuove conoscenze: susciterete interesse intorno a voi e otterrete un vantaggio competitivo. A mio parere, non vi è alcuna necessità di distinguere tra gli uomini e le donne nel mondo imprenditoriale. La realtà è che nel mondo aziendale gli uomini sono la maggioranza; c’è da chiedersi piuttosto perché ci non ci sono più donne. Una volta qualcuno mi ha detto che questo accade perché le donne sono più intelligenti. Scherzi a parte, il nodo è nelle motivazioni di noi donne. Limiti e quote rosa sicuramente non servono a motivare di più le donne. La nostra motivazione viene da una spinta interiore verso l’attività imprenditoriale e la consapevolezza che siamo in grado di avere successo in questo ambito. Se davvero possediamo queste due caratteristiche, dobbiamo provare a sviluppare la nostra impresa. Ho un motto: “Fare sempre ciò di cui si ha più paura”.

 

 

 

  • Default
  • Title
  • Random
load more hold SHIFT key to load all load all

  • Default
  • Title
  • Random
load more hold SHIFT key to load all load all

Per accettare o rifiutare i cookies su questo sito, clicca su uno dei link seguenti